Rotary in lutto per la scomparsa di Fabio Raffaelli

Il Rotary è in lutto per la morte di Fabio Raffaelli, scomparso oggi a 64 anni. Già presidente del RC Bologna, Fabio era stato chiamato quest’anno dal Governatore Maurizio Marcialis a far parte della commissione distrettuale Comunicazione, con l’incarico di occuparsi della rivista distrettuale. Un compito nel quale, già in passato, si era distinto per professionalità e competenza. D’altra parte, Raffaelli, romano di origine e bolognese di adozione, è stato l’erede di una lunga tradizione familiare nel giornalismo: il nonno Arnaldo aveva seguito i più importanti processi italiani del Dopoguerra e diretto la redazione romana del Corriere della Sera, il padre, Filippo, era inviato, la madre cronista giudiziaria (a lei è dedicato il premio nazionale Ornella Geraldini – Donne per il giornalismo, medaglia d’argento della Presidenza della Repubblica).

Fabio aveva debuttato nella professione a Parigi, come corrispondente del gruppo Rizzoli Editore. Tornato in Italia nel 1976, era approdato a il Resto del Carlino, dove è rimasto per oltre vent’anni, quattro dei quali come capocronista della redazione bolognese. Al lavoro di redazione alternava la scrittura, firmando con il padre oltre trenta opere, in gran parte dedicate alla storia e alla cultura dell’Emilia-Romagna. Appassionato di danza e di musica ha dato vita, negli anni, al Festival Internazionale di Santo Stefano per la salvaguardia e il restauro della millenaria basilica bolognese. Nel 1999 è stato chiamato a dirigere il gruppo televisivo Rete7 – E’tv. Nel 2002 si è lanciato in una spedizione giornalistica, seguita anche dalla CNN: da Bologna a Miami, in fuoristrada, attraversando 24 Paesi per oltre 60mila chilometri. Personaggio colto e poliedrico, si era dedicato con successo anche alla produzione artistica, realizzando maschere, scenografie e costumi. Dal 2011 era Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

I funerali si svolgeranno martedì 12 settembre, alle 15.30, a San Domenico, nella sua Bologna. Alla famiglia, così duramente colpita, si stringe con affetto tutto il Distretto Rotary 2072.