LETTERA DEL GOVERNATORE NOVEMBRE 2017

Carissime amiche ed amici rotariani

Novembre è il mese dedicato alla FONDAZIONE ROTARY, nata da una meravigliosa intuizione del suo fondatore Arch Klumph, che istituì un fondo volto a sostenere le tante attività del Rotary e che venne presentato al Congresso Internazionale di Atlanta, nell’ormai lontano 1917. Grazie alla sua visione, all’instancabile impegno ed alla straordinaria generosità dei rotariani di tutto il mondo, quel fondo si è trasformato ed è cresciuto ed oggi rappresenta una delle fondazioni umanitarie più importanti nel mondo, che si pone positivamente al servizio dell’Umanità. Pensate che in 100 anni ha investito oltre tre miliardi di dollari in progetti di servizio.

La Fondazione ha il compito di aiutare i Rotariani a promuovere la pace, la buona volontà e la comprensione tra i popoli attraverso sei vie d’azione: Prevenzione e cura delle malattie, Acqua e strutture igienico-sanitarie, Sviluppo economico e comunitario, Alfabetizzazione ed educazione di base, Salute materno infantile, Pace e risoluzione dei conflitti. Oltre a queste sei azioni fondamentali, rimane ferma e convinta l’adesione al problema dell’eradicazione definitiva della Polio. Ormai sono presenti pochi casi in Afghanistan e Pakistan e qualche caso in Nigeria.

Dobbiamo continuare a contribuire perché il problema venga davvero definitivamente risolto. Basti pensare che la fondazione Bill e Melinda Gates si è impegnata a raddoppiare ogni nostro contributo, per cui quando doniamo 100$ per la Polio, questi diventano poi effettivamente 300$ da spendere per le vaccinazioni! Proprio per questo motivo ricordo la necessità di aderire alla proposta nota come Every Rotarian Every Year (EREY), cioè la libera donazione di ogni rotariano per 100$ all’anno al fondo Polio.

Lo scorso 24 ottobre ci siamo trovati in tanti rotariani, oltre160, a Castrocaro Terme, per ricordare e sottolineare l’importanza della giornata mondiale della Polio, sempre ottimamente organizzata dal R.C. di Forlì. Erano presenti come validi testimonials: Martina di Rubbo, presidente del R.C. di Treviglio (BG), club di origine di Sergio Mulitsch di Palmenberg, iniziatore e primo promotore della campagna antipolio nel 1979; Lia Fabbri, presidente dell’ANIEP (Associaz. Naz. per la promozione e la difesa delle persone disabili); Giulio Mohamed Sanna Ali (presidente del Santa Lucia basket club di Roma per sportivi in carrozzina).

E’ ovvio che noi rotariani dobbiamo prendere coscienza delle problematiche poste dalla nostra Fondazione, perché se vogliamo essere veri rotariani dobbiamo conoscere le nostre strutture, essere ben formati ed informati. A questo miravano i due seminari che abbiamo organizzato a Pieve di Cento, il 21 ottobre scorso, l’IDIR (Istituto di Informazione Rotariana) ed il SEFR (Seminario Fondazione Rotary). In particolare, proprio nel pomeriggio, abbiamo affrontato alcune delle tematiche legate alla Fondazione, per approfondire le nostre conoscenze e spiegare quanto e cosa facciamo con il suo aiuto. Certamente alcuni importanti service non potremmo portarli a termine senza il concreto e notevole contributo della RF.

Ricordo, ad esempio, il Global Grant per la costruzione dei servizi igienici per alcune scuole in Nepal, o un altro service, organizzato e portato avanti dal RC di Mirandola, insieme alla Fondazione Andreoli, per la donazione ai bambini delle classi quarte delle elementari di strumenti musicali. Il 26 ottobre ho potuto partecipare all’allegra e molto simpatica “cerimonia” della consegna degli strumenti a 59 bambini dell’Istituto omnicomprensivo di Concordia sulla Secchia. Bisognava vedere con quale soddisfazione e piacere i ragazzini ritiravano il loro strumento, qualcuno davvero impegnativo per peso ed ingombro. Senza dubbio lo studio della musica aiuterà questi bambini, alcuni dei quali di origine straniera ed altri con problemi psico-fisici, a migliorare e ad inserirsi più facilmente nel mondo. Ed allora anche in questo caso, come in Nepal, avremo fatto davvero la differenza!

Un caro saluto a tutti voi e Buon Rotary

Maurizio