Il Rotary per l’ambiente: tavola rotonda dell’Area Estense

“Sostenibilità e rispetto per l’ambiente” è il titolo del bell’Interclub Area estense che si è svolto, naturalmente in videoconferenza, giovedì 18 marzo per festeggiare la giornata rotariana per l’ambiente. Coordinati dal giornalista Alberto Lazzarini, socio del RC Cento e past assistente del Governatore, si sono alternati al microfono i rotariani Corrado Barani (Vignola) “Acque pulite & Nepal”, Giorgio Garimberti (Cento) “Fiume Reno & energie green”, Gianni Guizzardi (Ferrara est) “Risparmio dei suoli & agricoltura” e il comandante della Polizia provinciale di Ferrara Claudio Castagnoli “Polizia provinciale, non solo sanzioni”. In apertura l’assistente del Governatore Michele Poccianti ha fatto gli onori di casa, presentando l’evento cui hanno partecipato alcune decine di soci e al quale si è collegato anche il Governatore Adriano Maestri, che ha fra l’altro ricordato come marzo sia il mese “dell’acqua, dell’igiene, dei servizi per l’igiene”. Di recente il responsabile del Distretto aveva invitato i club a organizzare incontri dedicati “ai fiumi, all’ambiente e alle nostre bellissime zone umide” nonché all’acqua che “Per troppo tempo abbiamo ritenuto un bene comune scontato”.

Tre giri di tavolo per i bravissimi relatori che hanno affrontato problematiche diverse, ma tutte riconducibili al filone della salvaguardia dell’ambiente. Guizzardi (dottore agronomo) ha opportunamente ricordato, in apertura, la creazione, da parte del nuovo Governo Draghi, del ministero della “Transizione ecologica” cui vengono affidate molte speranze, soprattutto dal punto vista del coordinamento delle politiche svolte nei vari ambiti operativi. Di particolare rilievo, poi, è stato il suo richiamo, con dovizia di dati, al crescente e pericoloso aumento del consumo di suolo a scapito di una più intelligente opera di recupero e riutilizzo dell’esistente (capannoni, immobili un tempo abitativi ecc.); questo tema era stato al centro di un’importante riflessione promossa dall’allora Governatore Maurizio Marcialis e tuttora, ovviamente, di stretta attualità. Sempre Guizzardi ha fornito dati sul consumo di acqua e, in particolare, sul suo uso in campo agricolo.

Del “Progetto Reno” ha poi parlato Giorgio Garimberti (ingegnere, già numero uno di Vm motori) che sta coinvolgendo il movimento rotariano alla luce della rilevanza che riveste il corso d’acqua tutto emiliano-romagnolo in termini economici, sociali, ambientali e naturalistici. Garimberti ha anche effettuato un’ampia disamina delle nuove fonti di energia green a cominciare dall’idrogeno.

Ancora sull’acqua, ma sotto altri profili, è intervenuto Corrado Barani (dottore chimico, imprenditore) che a sua volta ha fornito informazioni importanti in tema di consumo di acqua potabile e ha ricordato lo splendido Global Grant che ha promosso e realizzato con il Distretto Rotary a favore di una comunità in Nepal che potrà disporre, per le sue scolare e studentesse, di servizi igienici dotati di acqua: è un progetto di assoluta rilevanza perché non si ferma all’acqua, ma va ben oltre consentendo – “semplicemente “ – a queste giovanissime di andare a scuola, con tutto ciò che questo significa.

Del servizio – a dir poco prezioso che svolge il suo servizio – ha infine parlato Il comandante della polizia provinciale di Ferrara Claudio Castagnoli, impegnato su due fronti: quello della sensibilizzazione del pubblico verso le politiche di rispetto dell’ambiente e quello della repressione del crimine; come non definire crimine, infatti, l’abbandono di elettrodomestici vecchi, amianto e ogni sorta di plastica (solo per fare qualche esempio) nelle nostri valli del Basso Ferrarese o lungo i nostri (una volta bellissimi) fiumi e mare?