R.C. Cesena: Consegnate al Rizzoli di Bologna le C-Voice Mask ideate dalla Siropack

Bologna, 20 aprile 2020

Coronavirus. Consegnate questa mattina al Rizzoli a Bologna le C-Voice Mask ideate dalla Siropack

L’operazione è resa possibile grazie al contributo del Rotary Club Cesena che ha fatto propria l’iniziativa sostenendo i costi di produzione e donando le 30 C-Voice Mask al “Rizzoli”

Questa mattina, l’imprenditore Rocco De Lucia con la moglie Barbara Burioli, titolari della Siropack con sede a Bagnarola, hanno consegnato 30 dispositivi C-Voice Mask alla Direzione sanitaria dell’Istituto Ortopedico “Rizzoli” di Bologna. L’Istituto testerà i dispositivi in dotazione al proprio personale medico e paramedico.

L’operazione è resa possibile grazie al contributo del Rotary Club Cesena che ha fatto propria l’iniziativa sostenendo i costi di produzione e donando le 30 C-Voice Mask al “Rizzoli”.

Sempre oggi De Lucia ha consegnato altre 11 maschere ad altrettanti medici di base e due al professor Prati della Clinica odontoiatrica dell’università di Bologna.

Oggi De Lucia avrà una conferenza alle 17,30 con aziende di livello che, dice al telefono, “ci stanno guardando con attenzione e con le quali ci potrebbero essere sviluppi, visti i supporti del professor Claudio Vicini e del professor Marco Troncossi dell’università di Bologna”.

“Io sto dicendo a tutti che posso dare una mano, ma non è il mio lavoro – prosegue De Lucia -. Ci arrivano tante richieste. Il professor Vicini la sta utilizzando con ottimi feedback. Col suo contributo stiamo incremento lo sviluppo della maschera”.

Anche il prorettore Sangiorgi mi ha chiamato – concliude De Lucia -. Aderiremo a un bando per la fase 2 come Siropack. Il bando sarà per noi curato dal professor Troncossi. Il prerequisito è aver collaborato con un istituto di ricerca.  Dal mondo ospedaliero posso dire che ci viene un grande aiuto”.

Nel frattempo la maschera viene già usata per operare pazienti Covid. Anche diversi dentisti stanno chiedendo il dispositivo. Dopo i primi utilizzi, sono state apportate delle modifiche. Ora è presente anche una fonte luminosa, su suggerimento di chi l’ha utilizzata. I filtri sono omologati ed è stata introdotta una ulteriore modifica che consente di utilizzarne di generici in ampio uso negli ospedali.

La C-Voice Mask in questo momento è testata all’ospedale “Infermi” di Rimini dal professor Gianluca Garulli, primario di Chirurgia, al “Rizzoli” a Bologna e anche in altri ospedali della Romagna.