Leadership, diritti e doveri per il Ryla del cambiamento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Programma RYLA 2020-2021

Lettera ai Presidenti 2021

All. A scheda di partecipazione RYLA 2021

All. B scheda di partecipazione RYLA 2021

All. C scheda di partecipazione RYLA 2021

Liberatoria

Il Ryla di quest’anno è stato un Ryla del tutto nuovo. Perché ci siamo trovati ad affrontare un “imprevisto” – per usare un eufemismo – ossia quello di organizzarlo in periodo di pandemia. Il messaggio che il Governatore Adriano Maestri ha voluto trasmettere quest’anno è che ci si può impegnare nell’affrontare un problema, in modo da trasformare l’imprevisto in un’opportunità nuova, diversa.

Il vero protagonista di quest’edizione del Ryla è stato il coraggio. E’ il coraggio, dal latino cor agere (agire col cuore) il motore del cambiamento; senza di esso non si va avanti e non si cresce. Coraggio ha dimostrato, da un lato, il Governatore, adattando il Ryla alla contingenza del momento, proiettandolo verso il futuro, non dimentico del passato; dall’altro, i ragazzi che con impegno costruttivo e flessibile hanno saputo cogliere questa opportunità di crescita personale.

Da un punto di vista pratico, il Ryla di quest’anno è stato organizzato suddividendo i 35 partecipanti in 5 gruppi eterogenei per sesso, età, provenienza e percorso di studi dei componenti. A guidare e coordinare i singoli gruppi sono stati posti dei team-leader, scelti direttamente dagli organizzatori e individuati tra ex rotaractiani ed ex partecipanti al Ryla distintisi per capacità ed esperienza. Si sono svolti quattro incontri via zoom, cui hanno partecipato sempre tutti i ragazzi che si sono confrontati con grandi maestri (Italo Giorgio Minguzzi; Claudio Widmann; Nicoletta Marini; Rita Cucchiara) che con sapienza e capacità comunicativa hanno saputo affrontare il tema di quest’anno, ossia quello della “Leadership” e dei “Diritti e Doveri”, sotto molteplici profili (giuridico, etico, psicologico, scientifico/futuristico), stimolando un acceso dibattito, con i giovani. Al termine di ciascuno degli incontri, i ragazzi si sono ritrovati, sempre tramite zoom, confrontandosi sugli insegnamenti recepiti e ideando il loro lavoro, frutto di condivisione.

Il 15 maggio abbiamo avuto la possibilità di chiudere i lavori nella splendida cornice dell’Hotel Savoy di Bologna: i ragazzi si sono conosciuti di persona, hanno esposto le loro relazioni, elaborate con capacità, fantasia e intelligenza, anche emotiva, e ognuno di loro, pur se appartenente a un gruppo, ha saputo esprimere la propria individualità.

Concludendo la mattinata, Adriano Maestri, Angelo Oreste Andrisano, Italo Giorgio Minguzzi, Fiorella Sgallari hanno definito questo Ryla come il Ryla del cambiamento, quello che segnerà una svolta. D’ora in poi, hanno detto, il Ryla dovrà mantenere aspetti del passato (incontri in presenza, anche se limitati) coniugati con aspetti più attuali (incontri su piattaforme telematiche in modo da rendere tutti raggiungibili, anche relatori dall’altra parte del mondo).

Cristina Cataliotti

Guarda il Video dell’evento

Guarda le foto dell’evento